Couvent Général Franciscain de Bruz

Forum RP de l'ordre Franciscain du jeu en ligne RR
 
AccueilAccueil  CalendrierCalendrier  FAQFAQ  RechercherRechercher  S'enregistrerS'enregistrer  MembresMembres  GroupesGroupes  Connexion  BibliomélieBibliomélie  

Poster un nouveau sujet   Répondre au sujetPartagez | 
 

 La Vita di San Francesco da Genova - Libro IV

Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Aller en bas 
AuteurMessage
Franciscus_bergoglio
Grand Prieur
avatar

Nombre de messages : 961
Age : 47
Paroisse : L'Aquila
Statut : Curé
Autres : Grand Prieur de l'Ordre Franciscain, Doyen du Séminaire Franciscain, Maître des novices franciscain
Date d'inscription : 05/06/2013

MessageSujet: La Vita di San Francesco da Genova - Libro IV   Mar 11 Fév 2014 - 22:18

La Vita di San Francesco da Genova

Libro IV


Del suo incontro con il papa


Francesco guardava intorno a lui e diceva che non c'era ancora abbastanza amicizia e solidarietà tra tutti... Le persone che morivano di fame erano sempre troppo numerose, ed i malati come i lebbrosi troppo abbandonati. Era tempo di fare riconoscere la nostra azione dal Papa stesso affinché forti di questa riconoscenza, possiamo attirare ancora più fratelli e sorelle nelle nostre fila e di là accendere la fraternità nel cuore di tutti ed alleggerire tutti gli infelici.

Francesco mi sceglie per accompagnarlo fino a Roma. In cammino incontrammo numerosi giovani a cui spiegavamo il nostro questuare: l'amicizia calorosa, completa; tutto per l'altro e ciò essendo interamente liberi grazie alla nostra povertà. Molti di quelli che ci ascoltavano abbandonavano tutto per raggiungerci. Poveri, ricchi, vagabondi, contadini, commercianti, artigiani, e stesso figli e figlie della nobiltà. Eravamo partiti in due ed arrivammo a Roma così numerosi che non sono mai riuscito a contarci.

In principio, nessuno voleva riceverci... Bisogna dire che era abbastanza tempo che eravamo sulle strade e così non avevamo a sentirci propriamente come una rosa. Ma poi perché il Papa avrebbe dovuto ricevere un gruppo di mendicanti? Ma come ho detto, tra noi, c'erano giovani nobili e non sarebbe stata buona maniera trascurarli... nessuno avrebbe voluto tanto quanto i loro genitori che il Santo Padre li avesse fatti ritornare alla ragione. Dunque Innocenzo III accettò di riceverci. Questo Papa portava questo nome in memoria di tutti gli innocenti cristiani che erano morti per la loro fede mentre non avevano commesso nessuno crimine. Non poteva essere completamente cattivo dunque.

Quando entrammo in Vaticano, fummo impressionati dallo splendore di questo luogo... Tutti quei giardini, quel marmo, quei locali dalle proporzioni impressionanti... Infine, questo trono dove era seduto Innocenzo III davanti a cui ci mettemmo immediatamente in ginocchio. Prima che Fratello Francesco avesse potuto aprir bocca per spiegare perché eravamo là, il Papa ci spiegò che la chiesa doveva essere potente per governare meglio le anime per guidarli verso la fede in Dio. Doveva essere ricca e prospera dunque e tutti quelli che erano ricchi o nobili avevano il dovere di servirla in questo scopo al meglio delle loro possibilità. Ma la nostra Chiesa aveva anche nemici esterni, principi, re, sultani che minacciavano il mondo aristotelico e contro quei nobili ed i loro eserciti dovevano anche proteggerci. Il Papa ci raccomandò di raggiungere le nostre famiglie per prepararci a servire per il meglio la chiesa in questo modo. Poi ci licenziò. La Curia era soddisfatta. Il Papa non aveva ascoltato questi giovani incoscienti che esaltavano la povertà...

Ma l'indomani, mentre ci preparavamo ad andarcene, delusi di questa accoglienza, il Papa ci richiamò con nostra grande sorpresa... Ci spiegò che durante la notte, aveva fatto un sogno che l'aveva impressionato molto. In questo, aveva visto una grande chiesa cominciare a crollare. Francesco poi era venuto e si era messo al posto di uno dei suoi pilastri di marmo ed aveva trattenuto tutto l'edificio che così non era crollato. Innocenzo III voleva sentire ciò ora che Francesco aveva da dirgli.

Francesco gli spiegò che il nemico della chiesa non era esterno ma interiore. Tutto ciò che in noi c'impediva di essere amici del nostro prossimo era il nostro vero nemico. Bisognava dunque svegliare dovunque l'amicizia che Aristotele c'aveva insegnata così bene e di cui Christos c'aveva mostrato l'esempio alla luce di Dio. Francesco diede la pergamena su cui aveva scritto le virtù che desiderava vedere vivere per tutti i fratelli e sorelle francescani al Papa e chiese l'approvazione del Papa per vivere secondo queste virtù per servire la chiesa.

Prima che il Papa avesse potuto posare gli occhi sulla pergamena, qualche cosa di straordinario accadde... Un uccello entrò dalla finestra socchiusa e si posò ai piedi di Francesco, poi un secondo, un terzo, poi tutta una moltitudine. Alcuni vennero anche sulle sue spalle. Francesco si mise a parlar loro di Dio. Disse loro che li aveva creati e che li amava profondamente, come tutte le creature della terra. Disse loro che per ciò, potevano ringraziare Dio di tutto cuore... e gli uccelli cantarono un canto così bello, così magnifico che il Papa fu commosso profondamente. Lesse allora la pergamena di Francesco e ne diede la sua approvazione per vivere secondo queste virtù. E con  il cuore colmo di gioia, lasciammo il Vaticano e numerosi furono i fratelli e sorelle che allora ci raggiunsero.

_________________

Grand Prieur de l'Ordre Franciscain
Doyen du Séminaire Franciscain - Maître des novices franciscain
Préfect du Saint Office
Theologue et Scripteur du Saint Office - Eveque d'Abruzzo
Profilo RR - Profil RR
Revenir en haut Aller en bas
Voir le profil de l'utilisateur
 
La Vita di San Francesco da Genova - Libro IV
Voir le sujet précédent Voir le sujet suivant Revenir en haut 
Page 1 sur 1
 Sujets similaires
-
» Bons Plans Jeux PS4, PS3, PS Vita, PC et autres
» Pandawa Multi élément/vita/Res :)
» Le cross-game chat sur Vita
» JV.com présente la PS Vita en vidéo
» La Vita sera gourmande

Permission de ce forum:Vous pouvez répondre aux sujets dans ce forum
Couvent Général Franciscain de Bruz :: L'enceinte du couvent :: Bibliotheca Italiana-
Poster un nouveau sujet   Répondre au sujetSauter vers: